Category: Nord America 2008

Essere brasiliano a volte non risulta esotico, non fa figo e non è affascinante ma ti fa aspettare mezz’ora un poliziotto ciccione con i guanti blu (temendo il peggio..) in un’anticamera un po’ inquietante con l’unica comodità di poter leggere decine di vignette del New Yorker.
Probabilmente sarà “tutta invidia” come dice Manuel.
Gli altri son già dentro e a me, turista per caso, mi tocca fingere di non conoscerli, tranne Tommy, il mio “special friend” con cui sono in vacanza in Nord America.
“Hai mai suonato in qualche disco famoso?”… e qui mi conquisto il lasciapassare per la grande mela: “Due brani della colonna sonora di Gangs of NY di Martin Scorsese”…”Wow”, gli si illuminano gli occhi, corre a recuperare i miei documenti e mi accompagna verso la libertà. o una prigione dorata. Sono piuttosto sconvolto dalla totale mancanza di logica e dalle eccessive limitazioni della libertà che gli americani, più o meno tacitamente, sopportano. Non fa per me.
Here we are, ready to go to NY. Un pò rotti dalle 2 nottate precedenti ma nulla che un club +sandwich e un succo d’arancia non possano riparare.
Peccato che l’odissea non abbia neppure avuto inizio.
Imbarcati con 2 ore di ritardo, tenuti in ostaggio sull’aereo per altre 2 ore causa maltempo, disimbarcati e infine costretti a una notte extra a Toronto con volo annullato e un’incazzatura niente male. Non era partita bene la mia giornata di blog ed è finita peggio ma vorrà dire che ci riprenderemo domani ciò che oggi mi, ci e vi è stato tolto. A dispetto di ogni avventura nulla potrebbe rovinare il mio primo viaggio in Nord America ma soprattutto il mio primo viaggio con la. band. I’m proud to be one of the Afterhours.

That’s all folks.

Rodrigo D’Erasmo


Rodrigo blogger

Ostaggi in aeroporto

3 thoughts on “14 giugno – Toronto/travel day

  1. “I’m proud to be one of the Afterhours.”
    e fai benissimo .. e comunque ha ragione Manuel “è TUTTA INVIDIA”… ed anche un poco di ignoranza:P

    un bacione

  2. Io quel volo, che ha tenuto in ostaggio anche me, devo benedirlo… mi ha portato diretto a voi!
    Il vostro concerto è uno dei ricordi più belli dei miei giorni a New York… Peccato non avervi potuto vedere a Toronto!
    Buona fortuna per il vostro tour italiano.
    Federica

Rispondi a Lola Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *