Photo Ilaria Magliocchetti Lombi

Giorgio Prette, storico batterista degli Afterhours, dopo 25 anni lascia la band per dedicarsi ad altri progetti musicali, ringraziando il pubblico per il seguito e l’affetto ricevuto.

16 thoughts on “Giorgio Prette lascia gli Afterhours

  1. Da grande fan della band,sono a dir poco sconvolto da questa notizia.
    Non l’avrei mai detto! Mi sono sempre aspettato la dipartita di altri-ad esempio Gabrielli,che non l’ho mai visto integrato del tutto nella band-ma di Giorgio no!!!!!!Giorgio è una colonna portante da anni,anche del sound della band!
    Tuttavia,rispetto la sua decisione…..Giorgio,ti auguro tanta fortuna per gli altri tuoi progetti musicali….però che mazzata cocente,non me l’aspettavo davvero!
    Dire che sono dispiaciuto è dire poco!

  2. Scusate, ma non potete dare una notizia del genere e pensare di cavarvela con due righe, “altri progetti”, “arrivederci e grazie”, qui stiamo parlando della metà del gruppo originale, di un batterista originalissimo, vorrei dire anche di una presenza rassicurante, insomma, seguo gli After da Pop kills your soul, scusate se mi permetto, esigo spiegazioni!

  3. quando lasciò Xabier rimasi troppo male, ma poi ascoltai Quello che non c’è, adesso sono ancor più scosso e spero tanto in un nuovo disco ancor più bello.
    Ma questa notizia da after dipendente che sono non la digerisco. mi dispiace troppo.
    spero tanto che i progetti riescono a portare tanta serenità a tutti.

  4. Giorgio, ho iniziato a suonare ascoltandoti in quelle cantine maledette in Settima Strada, negli anni 80. Hai dato un suono agli After sin dall’inizio e non credo sarà facile sostituirti. Voglio dirti che a modo tuo hai sempre spaccato, noncurante del virtuosismo e della tecnica spesso utilizzati da chi non aveva niente da dire. Tu hai detto tanto, tantissimo. Da amico, sostenitore e “iniziato allo strumento” ti ringrazio per quanto hai fatto e ti faccio i miei migliori auguri per il tuo futuro. Spero che la mia stima e il mio saluto ti raggiungano.

    Un abbraccio Karmico,

    Diego

  5. La fortuna piú grande, è poter scegliere di seguire altri progetti… C’è chi passa una vita a sognare di cambiare ma deve fare i conti con la dura realtá di tutti i giorni… credo che il vostro merito piú grande sia stata la scelta i primi anni, di mangiare pane e cipolle, potendo permettervi ora di scegliere cosa vi piace fare. Un mix di meriti, coraggio e fortuna… it’ only rock n’ roll…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *